Ecobonus

Gentili clienti,
come saprete il “Decreto Rilancio” ha introdotto il Superbonus 110%, ovvero una detrazione fiscale del 110%, suddivisa in cinque rate annuali, sui lavori effettuati dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per gli interventi di:
• isolamento termico;
• sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale;
• riduzione del rischio sismico.
La detrazione del 110% è altresì riconosciuta per gli interventi di:
• riqualificazione energetica di cui all’art.14, DL n.63/2013
• installazione di impianti solari fotovoltaici;
• installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici (colonnine di ricarica);
se eseguiti congiuntamente ad uno degli interventi che danno diritto al superbonus del 110%.
Per ottenere la detrazione del 110%, gli interventi, nel complesso, devono assicurare il miglioramento di almeno 2 classi energetiche (ad esempio dalla D alla B), anche congiuntamente ad altri interventi di efficientamento energetico, all’installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo.
A titolo esemplificativo, su una spesa sostenuta di 10.000 euro si ottengono 11.000 euro di detrazione, pari a 2.200 euro annui da recuperare nelle cinque dichiarazioni dei redditi presentate successivamente all’esecuzione dei lavori.
Come è evidente, questo incentivo statale è molto vantaggioso, in quanto è possibile usufruire di una detrazione maggiore della spesa sostenuta, tuttavia i dubbi interpretativi restano ancora molti, stante la farraginosità normativa.
La novità che interessa ulteriormente è che la detrazione (bonus) può essere ceduta a qualsiasi soggetto scontando ovviamente una riduzione del beneficio a favore di acquista il credito, in questo modo si amplia notevolmente il numero di soggetti che possono usufruirne.
Come ogni agevolazione va tenuto valido il principio fondamentale che va fatta sempre una preliminare analisi che coinvolga i soggetti interessati quali: a) l’acquirente del credito; b) il professionista che deve attestare il superamento delle classi energetiche; c) il progettista per la valutazione della congruità dei prezzi delle singole opere; d) il commercialista per la parte fiscale e per l’apposizione del visto di conformità dove necessario. Infatti, l’iter burocratico è rigido e vincolante per cui il mancato rispetto anche di solo alcune formalità potrebbe far venir meno il beneficio.
Per questo motivo il nostro Studio desidera informarVi che ha costituito un gruppo di lavoro interno, oltre ad aver stretto una collaborazione con diverse figure dei settori coinvolti, in modo tale da poter offrirVi supporto e consulenza su ogni passaggio necessario all’ottenimento del bonus.
È possibile inviare una mail all’indirizzo studio@favaroassociati.com o chiamare il numero 0434 649311 per fissare un appuntamento conoscitivo, al fine di conoscere la Vostra specifica situazione e, se del caso, proseguire per raggiungere l’obbiettivo prefissato.
Certi di aver fatto cosa gradita, porgiamo i nostri migliori saluti.
Favaro servizi e consulenze s.r.l.

News dello studio

ago10

10/08/2022

Bando artigianato Veneto

Bando artigianato Veneto

TEMPISTICA La domanda di sostegno deve essere compilata e presentata esclusivamente per via telematica, attraverso il Sistema Informativo Unificato della Programmazione Unitaria (SIU)

ago9

09/08/2022

Bando marchi +

Bando marchi +

TEMPISTICA Il termine iniziale per l’inoltro delle domande di contributo tramite procedura informatica decorre dalle ore 9.30 del 25 ottobre 2022 e fino a esaurimento delle risorse

ago9

09/08/2022

Bando disegni +

Bando disegni +

TEMPISTICA Il termine iniziale per l’inoltro delle domande di contributo tramite procedura informatica decorre dalle ore 9.30 del 11 ottobre 2022 e fino a esaurimento delle risorse

News

ago4

04/08/2022

Codice del Terzo Settore, chiarimenti sul concetto di interesse sociale

Con riferimento Codice del Terzo Settore,

ago6

06/08/2022

Perché anche i managers devono tornare a scuola, di sostenibilità

Negli ultimi anni si è registrata una grande